sabato 21 aprile 2012

GNOCCHI ALLA SORRENTINA


Nel mio Blog non poteva mancare questo piatto di origine lontanissime è molto presente nella cultura napoletana.
Questo piatto mi rappresenta tantissimo proprio perché la storia racconta che alle Porte di Napoli arrivavano dai paesi limitrofi di Napoli i famosissimi “Gnoccolari” venditori  di gnocchi che la domenica andavano in giro con grosse ceste di vimini per vendere la loro buonissima pasta fatta in casa.
Uno di questi paesi pensate era proprio il mio paese che ha dato i natali a mio Padre e dove io ho vissuto fino a qualche anno fa prima della mia avventura in Veneto.
A dimostrazione di quanto post scritto c’è un’Antica Trattoria cosi detta “Alla Gnoccolata” nei pressi del famosissimo Santuario di Sant’Antonio da Padova Patrono della città di Afragola dove da generazione in generazione viene servito come piatto principale Gli Gnocchi al Ragù e chi è passato per la Campania sicuramente ne ha sentito parlare.
Adesso sapete che la realizzazione di questo piatto per me è caratterizzata da due elementi fondamentali, quello Affettivo e quello Storico,  il primo quello  affettivo  perché come ho già detto nella presentazione sono stato fortunato ad avere una Nonna Materna Napoletana Doc che ha portato in tavola nel primo quarto di secolo della mia vita tutta l’espressività della buona Cucina Napoletana il secondo quello  Storico perché amo le cose che hanno radici nel passato  e che nonostante la civiltà moderna sono ancora presenti a tavola.
Dedicato a mia Nonna materna Cristina De Pompeis  





Ingredienti per gli Gnocchi


La prima cosa da fare è preparare le patate: lavatele e, senza sbucciarle, mettetele in una pentola con dell'acqua salata e lasciatele bollire.
Ancora calde, sbucciatele, schiacciatele e mettetele su un piano di lavoro ben infarinato.

Aggiungete un pizzico di sale, la farina e impastate il tutto fino ad ottenere un composto compatto ma allo stesso tempo soffice.
A questo punto aggiungete un uovo e continuate ad impastare fino ad ottenere un impasto senza grumi e compatto.

Quindi, dividete l'impasto in tanti filoni dello spessore di 2-3 centimetri e iniziate a tagliare i vostri gnocchi riponendoli su una superficie o un vassoio infarinato.
Per finire, praticate le caratteristiche rigature degli gnocchi facendo scivolare ogni gnocco sulla forchetta e schiacciando un pò, ma non troppo.



Lasciate riposare i vostri gnocchi per 15 minuti, dopodichè fateli cuocere in una pentola abbastanza grande con l'acqua salata e scolateli quando saliranno a galla.






Preparate il condimento che più vi piace e condite i vostri 


gnocchi, io ho preparato un sugo con:

Ingredienti per 10 involtini
10 fettine di carne di manzo (scamone o filetto).
30 gr. di parmigiano grattugiato
20 gr. di pecorino grattugiato
200 gr. di pane grattugiato
aglio e prezzemolo tritati
600 gr. di Passata di Pomodoro Mutti ( a temperatura ambiente)
1 cipolla rossa,1 carota,1 costa di sedano e 1 spicchio d'aglio e prezzemolo tritati
Insaporitore di Sughi Ariosto
1 foglia di alloro
100 dl vino rosso
olio, Sale Gemma di Mare e un peperoncino piccante




Preparate un composto con il pane grattugiato, il parmigiano, il pecorino , il prezzemolo, 1 aglio tritato e  pepe q.b. stendete le fettine di carne e servendovi del batticarne pareggiatele dopodichè su ogni fettina a circa 2 cm dal bordo (questo vi permetterà di avvolgere bene su se stesse le fettine) adagiate un po del composto e avvolgete le fettine creando degli involtini che infilerete su due spiedini.


Per il Sugo: 


Preparate una Mirepoix tritatando la carota, il sedano, la cipolla
in una pentola versate due cucchiai di olio evo versate le verdure mescolando il tutto 
facendo assorbire l'olio al trito, accendete a fuoco dolce, aggiungete la foglia di alloro e
 coprite con carta stagnola forata al centro così da creare una cappa che cuocerà dolcemente la nostra base del Sugo, lasciatela andare rimescolando il tutto un paio di volte massimo ricoprite e  portate a cottura finchè la cipolla non assume un colore trasparente sarà per noi l'indicatore dell' avvenuta cottura della nostra Mirepoix.








In un tegame basso versiamo 3 cucchiai di olio evo e lasciamo rosolare velocemente i nostri 


involtini ( in Napoletano le braciole) di carne deglassiamo il fondo con il nostro vino e 


lasciamo evaporare, a questo punto versiamo la Passata Mutti e 2 cucchiai di Triplo 


concentrato Mutti, Insaporitore di Sughi Ariosto e la nostra Mirepoix e lasciamo cuocere per 


minimo 3 ore a fuoco dolce coperto mescolando di tanto in tanto, verso la fine della cottura aggiungete il  Sale Gemma di Mare, e pepe nero a piacere.









A questo punto, portiamo a bollore l'acqua saliamo e cuociamo i nostri Gnocchi, quando cominceranno a salire a galla quello è il segnale che sono cotti quindi scolateli e in una scodella condiamoli con un po di sugo impiattiamo cospargiamoli di sugo e una spolverata di Mozzarella di Bufala di Fattorie Pica tagliata a dadini


Servite con foglie fresche di Basilico e Buon Appetito







Consiglio:Per la preparazione degli gnocchi di patate vi consiglio di utilizzare delle patate a pasta bianca abbastanza farinose come per esempio, quelle Olandesi che hanno bisogno di poca farina e si attaccano meno fra loro, e aggiungete un pò di olio all'acqua di bollitura.












Servite come Secondo gli Involtini accompagnandoli con un contorno a piacere, di solito nella cucina partenopea i contorni più indicati sono:
Peperoni, Melanzane, Zucchine, Friggiarelli, Funghi e Peperoncini Verdi detti "do' ciummo" del fiume.





6 commenti:

  1. la prox volta che ci vediamo, li voglioooooooo!!!! tu non sai quanto mi fanno impazzire! è uno dei miei piatti preferiti e preparati da te devono essere uno spettacolo!!!!!
    buona domenica
    spery

    RispondiElimina
  2. Che fame!!1 Troppo buona questa ricetta, da copiare e realizzare al più presto!!!

    RispondiElimina
  3. We Guerino vogliamo anche te all'incontro in Estate con Spery e Antonietta(e che fai mi lasci solo!!!!!), anche noi domenica abbiamo mangiato gli gnocchi fatti dalle mani Sante della mamma di Antonietta.. Sublime......come questi che vedo in foto.
    A Presto e mi aggiungo al tuo blog

    RispondiElimina
  4. Guerino ma sei un mito!!!!!! E che ci fai con tutti questi premi!!!! ce ne è un altro per te sempre sul mio blog!!! Vallo a ritirare!!!!!!!!!!!!!! ciooooooo marina

    RispondiElimina
  5. Bau! Che belle ricette sul tuo blog!!!
    Ti seguo! Il mio papo e la mia mami proveranno di sicuro le tue ricette, sono stupende!
    Leccatine da Mirty (una barboncina in cucina)

    RispondiElimina