domenica 17 giugno 2012

POLPETTINE DI TONNO CON IMPANATURA DI FARINA DI CECI



Le polpettine di tonno e ricotta sono uno sfizioso Finger food, appetitose e gustose piaceranno tantissimo ai vostri ospiti, ottime come aperitivo per iniziare una cena estiva all'aperto e magari come secondo in una serata  dai gusti di mare.

Gli ingredienti sono di solito ospiti fissi della nostra dispensa come il Tonno, le acciughe, capperi e un po’ di ricotta. Oltre a essere molto semplici, sono anche molto veloci da realizzare, e sicuramente di grande effetto.

Io ho accompagnato le polpettine con insalata Brasiliana tagliata  a Chiffonade e con Panna acida preparata con 250 g di panna, il succo di mezzo limone, sale Gemma di Mare e pepe q.b.. 

Ingredienti per circa 50 polpettine
Acciughe (alici) sott'olio 4 filetti , Capperi sott'aceto 10, 
Pangrattato 25 g, Farina di Ceci Molino Chiavazza 50 g, Parmigiano Reggiano grattugiato 50 g, Pepe q.b., Prezzemolo tritato 1 cucchiaio, Ricotta cremosa 200 g, Sale q.b., Tonno sott'olio sgocciolato 200 g, Uova medie 2
Per la frittura Olio di semi di arachidi q.b



               Mettete in una ciotola la ricottail tonno all’olio di oliva sgocciolato e sbriciolato, le uova e il formaggio grattugiato .Tritate i capperi e le acciughe e aggiungeteli agli altri ingredienti , unite il pangrattato, il prezzemolo tritato e aggiustate di sale e pepe.


Quindi amalgamate per bene il tutto fino ad ottenere un composto compatto e omogeneo.  Prelevate delle piccole porzioni d'impasto e preparate delle polpettine tonde e piccole, quindi passatele nella farina di ceci .
Ponetele su una teglia ricoperta da carta da forno ed Infornate a forno preriscaldato 180° per circa 20 minuti.








Preparate i bicchierini con l'insalatina brasiliana un cucchiaino di panna acida e due o tre polpettine ( a piacere) infilate nelle classiche forchettine da food servite fredde sono ottime.




Potete anche Friggerle in olio di semi di arachide ben caldo, facendole dorare su entrambi i lati . Mettetele a sgocciolare su della carta assorbente da cucina e servite le polpettine di tonno e ricotta ancora calde, con insalatina a piacere.

Con questa ricetta partecipo al contest di Molino Chiavazza "la farina di ceci"


mercoledì 13 giugno 2012

Ravioli ai gamberetti e ricotta su letto di crema di zucchine.


Questa ricetta nasce così per caso una domenica di Maggio, la mia compagna è stata da me "spintaneamente" inviata a un corso di panificazione con lievito madre insieme alla mia carissima amica Spery di Babà che Bontà, si diciamo che è stata quasi obbligata, quindi mi sono ritrovato da solo, preso dalla noia ho pensato bene di fare un giro al Centro Commerciale ormai aperto anche di Domenica per cercare di trovare magari, qualche ingrediente che mi fornisse l’ispirazione per un piatto speciale da sottoporre come premio alla mia Compagna Luisa al suo rientro dalla sua nuova esperienza di panificatrice. Allora, ecco che inizio a curiosare tra i banchi del supermercato, prima le verdure e gli ortaggi e qui noto dei Fiori di Zucchina dall’aspetto invitante che decido di acquistare e giacché mi trovo acquisto anche delle zucchine nostrane, a questo punto proseguo e mi ritrovo davanti al banco della Pescheria iniziando a buttare uno sguardo sulle bontà del pescato ormai raro dei nostri mari e fatalità noto, dei gamberetti pescati nel mare della nostra Sicilia, allora mi domando? Bene fiori di zucca, zucchine, gamberetti, diciamo che tra di loro andrebbero d’accordo in una ricetta!, e allora decido di acquistarli.
Mi soffermo a questo punto, e inizio a pensare a cosa fare con gli ingredienti appena comprati, niente non riuscivo a trovare qualcosa di semplice ma di effetto, finché non mi sono ricordato che la Luisa era da qualche tempo che mi chiedeva di preparargli dei ravioli ripieni ma non i soliti, allora a quel punto ho deciso ravioli ripieni di fiori di zucchina e gamberetti, però mancava ancora qualcosa per l’amalgama del ripieno e il sugo, e lì mentre pensavo mi sono ricordato che avevo in frigo una fantastica ricotta di Bufala che mi era arrivata il giorno prima dal caseificio Fattorie Pica  e le Uova fresche regalate dal mio carissimo vicino Lino che con la Moglie Anna hanno sempre un pensiero per noi,a questo punto mancava solo la salsa di accompagnamento e lì lampo di genio ho attinto all’esperienza fatta in alcuni catering con la Scuola di Cucina Peccati di Gola e ho deciso di preparare una crema di zucchine e con la buccia delle stesse tagliate a strisce sottilissime le ho fritte creando una sorta di nido per guarnire il raviolo si proprio così questa volta si trattava di un unico raviolo da lasciarti senza parole.
Si proprio così questa è stata l’affermazione di Luisa la mia compagna e di mia figlia Federica, siamo senza parole!!!!!!!!
 A voi i commenti

Ingredienti: per 4 Ravioli
400 gr di pasta all’uovo,200 gr di gamberetti, 400 gr di ricotta di bufala fattorie Pica, 4 zucchine, 10 fiori di zucchina, Vino bianco Vinchef, un cucchiaino di Limoncello di Auriemma's Kitchen, Sale Gemma e pepe q.b., scalogno, olio evo, olio per friggere di Arachide, 40 gr. di burro, menta, 200 gr di Panna.




Preparate la pasta all'uovo con 400 gr. di Farina 00 Molino Chiavazza e 4 uova, 
amalgamate il tutto e lasciate riposare per 30 minuti.


Tagliate la buccia delle 4 zucchine aiutandovi con il coltello e con il pela patate. 

 Tagliate  le zucchine a cubetti e mettetele in una padella con un filo d'olio evo, adagiate 4 fiori di zucchina, coprite e a fuoco dolce fate cuocere, l'acqua contenuta nelle zucchine ci aiuterà nella cottura, a metà cottura preleviamo i fiori e mettiamoli da parte, continuiamo nella cottura delle zucchine

Con il mixer ad immersione rendiamo a crema le zucchine.

Aggiungete la panna e lasciate cuocere fino ad asciugare
 ed amalgamare il tutto in una Crema salate e pepate a piacere.

In una padella mettete i 40 gr di burro, lo scalogno tritato e qualche foglia di menta, fate rosolare aggiungete i gamberetti tritati fateli cuocere appena sfumando con mezzo bicchiere di vino bianco e lasciate evaporare, infine aggiungete un cucchiaino di limoncello e togliete dal fuoco e lasciate raffreddare. 

Aggiungete alla ricotta, i gamberetti , i fiori di zucchina tritati e  precotti in precedenza e aggiustiamo di sale e pepe.


Stendete la Pasta creando un disco di circa 10 cm di raggio disponete
 al centro l'impasto e ripiegate su stessa  l'altra metà del disco creando una mezzaluna, 
aiutatevi con una forchetta per chiudere bene il bordo del Raviolo. 

In una Pentola mettiamo l'olio di semi di arachidi e raggiunta la giusta temperatura
mettiamo a friggere le nostre zeste di zucchine rendendole croccanti e una parte dei fiori interi. 
In un'altra pentola portiamo a bollore l'acqua saliamo e lasciamo cuocere i nostri ravioli.
Scolateli bene ed impiattate

Impiattate mettendo sul fondo la Crema di Zucchine adagiateci sopra il raviolo e guarnite con la zeste di zucchina fritta e con un fiore di zucchina fritto.






                                                      Buon Appetito




con Questa ricetta partecipo al contest Se Avessi Un Ristorante, delle Pellegrine Artusi

se avessi un  ristorante



lunedì 11 giugno 2012

TAGLIATELLE CON SALSA DI CONIGLIO



 Ancora un piatto per ospiti speciali, finalmente rivedo dopo circa due anni Salvatore il nono in ordine numerico dei miei dieci fratelli, e sì, chi ha letto di me, sa che faccio parte di una famiglia alquanto numerosa composta di cinque figli maschi e cinque femmine ed io non so se definirlo un vantaggio o meno, sono il primo dei dieci, quindi diciamo pure che ho ricevuto e non spontaneamente, l’obbligo di vigilare sui miei fratelli.
Va da se che non è stato assolutamente vantaggioso anzi sono stato costretto a crescere in fretta ritrovandomi da bambino già un buon carico di responsabilità come succedeva spesso in passato nelle famiglie numerose.
Salvatore un po’ mi assomiglia, e detto da lui nelle sue scelte ha avuto me come riferimento, sposato con Giusy da circa dieci anni con le loro due bambine, formano una famiglia perfetta.
Giusy mia cognata lavora in un noto ristorante di Pinerolo “La Locanda della Maison Verte” quindi ha esperienza nel giudicare un buon piatto, diciamo che mi sentivo un po’ sotto esame.
A questo punto ho voluto proporre questo piatto proprio perché è un primo per palati fini.




INGREDIENTI per 7 persone
600 gr. di tagliatelle. Mezzo coniglio giovane e tenero, mezza cipolla, 1 carota, 1 gambo di sedano, 1 spicchio di aglio, 1 rametto di rosmarino fresco, 50 g di pancetta, 3 cucchiai di olio di oliva, ½ bicchiere di Vino Vinchef, 50 di mandorle dolci pelate, saleGemma di Mare, pepe, aceto e brodo, 3 cucchiai di Triplo concentrato dipomodoro Mutti. Insaporitore per Carne e Brasati.


Per recuperare tempo quando acquistate il coniglio fatelo disossare e
Lavatelo bene con acqua e aceto e tagliatelo a pezzetti piccoli.

               In un tegame mettete le verdure tritate e la pancetta a dadini, 
far soffriggere in un velo d’olio insieme ai tre cucchiai 



Aggiungere la polpa di coniglio e rosolarla, aggiungere poi il rosmarino a cimette e una spolverata di insaporitore per Carni Ariosto.
Bagnare con mezzo bicchiere di vino  Vinchef, lasciare evaporare, unire le mandorle tritate, 
coprire a  filo con il brodo e regolare di sale e pepe.
Cuocere per un ora a tegame coperto.



Ingredienti per le tagliatelle: 5 Uova , 500 gr di Farina tipo "00" per pasta all'uovo del Molino Chiavazza.

Setacciate la farina e disponetela a fontana su una spianatoia aggiungete al centro le uova e iniziate ad incorporare con le dita finchè l'impasto si può lavorare con le mani. Lavorare l'impasto finchè non diventa elastico e lucido, formare un panetto e lasciare riposare coperto per mezz'ora. Riprendere l'impasto e stenderlo con il matterello tirandolo a sfoglia a raggiungere lo spessore desiderato, coprire con un canovaccio per 15 minuti ed infine tagliamo le nostre tagliatelle delle spessore desiderato.
(io per entrambi passaggi ho usato l'impastatrice e la macchina della pasta per il taglio delle tagliatelle). 
A questo punto:
Cuocere in acqua ben salata le tagliatelle e scolarle al dente, condirle in una padella sul fuoco con il sugo di coniglio e mantecate con il parmigiano grattugiato.




                                    Buon Appetito da Guerino e Giusy




domenica 10 giugno 2012

Fusilli with cream of chicory


The italian pasta “Fusilli with cream of chicory” creates  a delicious and refined first course. For the preparation was used chicory from Treviso (Italian city, but you can use whatever you can find in your country) that has a sweeter taste and is more delicate than the common chicory. In this preparation, the chicory is cooked and then reduced to a  cream together with onions and bacon, which enhance the flavors without covering its aroma and flavor. The chicory is usually found fresh in the market during the winter months (between November and March) but is less expensive compared to its "cousin" of Treviso. The chicory is recognized by its elongated leaves that have white coasts collected in a non-compact bush that can grow up to 20 cm in length. Before you buy the chicory make sure that the leaves are intact and moist, this will ensure that its vitamin properties are intact. The red chicory, in fact, is rich in vitamin A and C, and abounds in minerals, is also useful for purifying the blood and to aid digestion.






 1. Ingredients: Fresh onions (or leeks) 100 g, 3 tablespoons extra virgin olive oil, bacon wrapped and chopped 100 gr, Fresh cream 4 tablespoons, fusilli pasta 360 g, ground black pepper to taste, chicory 400 g, Salt to taste, 3 sprigs of fresh thyme, dry white wine 100 ml


2
Wash in cold water and slice the radishes at the base of the leaves. Cut the leaves into thin strips. Finely chopped slices of rolled bacon.




3
Place the bacon to simmer in three tablespoons of olive oil,



4
Then add the onions cut into thin slices




5
and chicory




6
then add the cream, salt, and pepper.



7
Whisk the mixture of chicory (except for a couple of heavy tablespoons that you need to save), and reduce everything to a cream that should be fairly thick.




8
Put the resulting cream in a large skillet, and add the thyme leaves. Meanwhile boil the past so as to be firm but not hard, and then mix it with the cream of chicory, mix well. 



9
 Place a serving of “fusilli with chicory cream” on the plate topping it with the chicory you saved earlier,  and finish with a few leaves of thyme. Add Parmesan cheese as desired.





















Source: Giallo Zafferano