domenica 17 novembre 2013

EVENTO PIRAL PRESSO UTILCASA

Duro lavoro, Sacrificio, Passione ma anche tante soddisfazioni, una di queste è stata proprio lo Show Cooking della Piral presso la Utilcasa Ferramenta Via Montorio... Ho trovato un ambiente accogliente e delle persone Fantastiche, Aldo Di Birtele il Titolare, la Sorella Valeria, il Papà Luciano una persona strepitosa e le collaboratrici Virna, Linda  e  Renzo Grigio il responsabile delle Vendite dei Prodotti Piral. Io e il mio aiuto cuoco Luisa Spanò ( mia moglie) abbiamo trovato un negozio  molto curato con una vasta gamma di articoli di elevata qualità tra cui i prodotti Piral, chi entra in quel negozio ha da subito la sensazione di trovarsi in un ambiente che racchiude una certa magia, proprio così mi sembra il mondo dei balocchi tutti prodotti ricercati, ma la cosa che ci ha colpito è stata la clientela veramente speciale.
Lo show cooking è stato da subito un successo con la prima presentazione della Gamma Tradizionale della Linea Piral, sui fornelli la Pentola Bombata per la Polenta e il Tegame Alto per i Moscardini, il risultato bè! dovreste chiederlo ai presenti.
Pomeriggio sui fornelli la Patatiera dove abbiamo arrostito patate servite con formaggio alle erbe e Castagne; e poi su gentile richiesta ancora Moscardini e Polenta, insomma un vero Tripudio di sapori grazie all'impiego delle Pentole in Terracotta Piral.
 Le sorprese non sono finite, Aldo è un Turbine d’idee Imprenditoriali, il suo lavoro lo fa con Testa ma soprattutto con Passione è sempre alla ricerca di un prodotto di qualità da proporre ai suoi clienti, si vede ed è percepibile Aldo, Valeria e Luciano il mitico papà, grandissimo produttore di un fantastico Recioto Veronese, sono una famiglia con i Valori di una volta, sia loro sia Virna e Linda trattano i clienti con attenzione e professionalità, ma le sorprese non sono finite e a proposito di famiglia, Aldo ci ha portato a pranzo al Take Away di suo cugino Giovanni, anche qui un ambiente ben curato, con ottimi piatti e sorpresa Giovanni una persona Umilissima, se passate per Verona nei pressi di via Montoro 80 andate a trovarlo nella sua Gastronomia, rimarrete con l’acquolina in bocca ma niente paura da li; proseguite il viaggio con Giovanni fino al suo Take Away, e colmerete il vostro appetito.
Un Caloroso e affettuoso grazie a tutti i clienti, alla Piral e allo Staff  della Utilcasa





































sabato 6 luglio 2013

Pettegole al Tartufo Nero con Crema di Burrata e Rucola.


L’estate ormai sembra arrivata, siamo in un periodo di recensione che continua a mettere in ginocchio un Paese e le famiglie Italiane, sento parlare di crisi, disoccupazione e disperazione ogni giorno, non è che io stia meglio di altri però cerco come tutti di guardare avanti, anche se non è sempre facile. Una cosa che non capisco e per la quale non  smetto mai di pensarci e che viviamo in un Paese fantastico dove abbia sorse che ci invidia il Mondo intero e non riusciamo a fare decollare l’economia mi sembra assurdo o meglio un incubo.
L’economia non è ancora ferma del tutto e Basterebbe un niente per ripartire con il piede giusto, si non sto farneticando e non sono ubriaco  e nemmeno un’economista, però consentitemi e analizzate anche voi la cosa.
Ovunque in Tv vediamo programmi tipo Mela Verde, Linea Blu, tanto per citarne alcuni che ci mostrano in questo particolare periodo dell’anno dei posti fantastici della nostra bella Italia, inoltre vediamo nonostante il periodo, artigiani, agricoltori, e tutto quello che fino ad oggi ci distingue con il famoso brand del Made in Italy.
Dovremmo essere fieri di questo paese sempre più martirizzato da una classe politica devota solo al lucro personale, dobbiamo sforzarci e pretendere da noi stessi di ritornare a quei fausti anni dove la genuinità e la serietà ci rendevano unici.
“Siamo ancora in tempo”
Questa ricetta è semplice ma racchiude tutta la fantastica bontà dei nostri prodotti tipici e la maestria dei nostri produttori.

Porzioni 4  Paste secche

Vino: Rosso Corposo.


Ingredienti:

Pettegole al Tartufo Nero di Stagione g 400 della Fabbrica della pasta di Gragnano
http://www.lafabbricadellapastadigragnano.it/it/home.php 
Cipolla Rossa di Partanna g 80
“La cipolla dolce di Partanna” o Cipudda Partannisa, in dialetto siciliano. Impariamo a conoscere questo prezioso ortaggio. http://www.ilgiornaledelcibo.it/tra-frigo-e-dispensa/prodotto.asp?id=625&scheda=Cipolla+Partannisa 
Burrata Pugliese g 500
Rucola (mazzi) n. 1
Olio extravergine di oliva ml 50
Vino bianco secco q.b.
Sale fino g 0
Pepe nero macinato Quanto basta

Valori nutrizionali:
kcal: 840
kJ: 3535
Lipidi g: 43,1
Glucidi disp. g: 77,1
Amido g: 0
Zuccheri g: 4,8
Fibra g: 1,4
Sodio mg: 662,9
Colesterolo mg: 110
Proteine g: 36,8
Acqua g: 25,6


------------------------------------------------
COSTI
------------------------------------------------
Costo piatto: euro [N/D]
 - Food cost: euro 4,04
 - Manodopera: euro [N/D]
 - Costi indiretti: euro 2,40

------------------------------------------------
Prepariamo per prima cosa del brodo vegetale con sedano carota e cipolla e qualche chiodo di Garofano senza aggiunta di sale.
Tritiamo grossolanamente la Rucola, e in una terrina tagliuzziamo la nostra burrata.

In una padella facciamo rosolare in un filo d'olio evo la cipolla tritata 

con una spolverata di sale e sfumiamo con del vino bianco lasciando evaporare, spolveriamo con una macinata di pepe nero fresco.


 Intanto in una pentola portiamo a bollore 5 lt di acqua con 50 gr di sale dove cuoceremo le nostre Pettegole, a bollore dell'acqua immergiamo le nostre pettegole

 e a metà del tempo di cottura consigliato dal produttore le preleviamo 

e le aggiungiamo alla nostra padella con il fondo di cipolla e continuiamo la cottura con la tecnica del risotto aggiungendo del brodo vegetale, a pochi minuti dalla fine della cottura iniziamo a mantecare le pettegole aggiungendo prima il siero interno della burrata e poi la parte più solida sempre continuando a mantecare aggiungiamo infine la Rucola . Servite Caldo con una spolverata di pepe nero macinato.



martedì 18 giugno 2013

Risotto with Savoy cabbage with crispy bacon and Parmesan


Serves 4 Rice and risotto
Complexity: Medium
Wine: Sparkling Raboso

ingredients:
280 grams Carnaroli Rice ( 9,877 oz Carnaroli Rice)
200 grams  Cabbage  ( 7,055 oz Cabbage)
80 grams Onion   ( 2,82 oz Onion)
60 grams Butter  ( 2,12 oz Butter)
100 grams  Parmesan cheese ( 3,53 oz Parmesan cheese)
60 ml white wine ( ¼ cup -  white wine)
Vegetable broth
Salt (enough)
Ground black pepper Enough
Bacon 50 grams (1,76 oz Bacon)



Nutritional
kcal: 518
kJ: 2168
G Fat: 21.9
Carbohydrates avail. g: 63.6
G starch: 61.2
G Sugars: 2.4
G Fiber: 2.5
Mg Sodium: 332
Cholesterol mg: 71.9
G protein: 18.5
G Water: 91.8
------------------------------------------------






Prepare a vegetable broth, with celery, carrot, onion and cloves.

Cut into strips and brown the bacon in a little oil until crispy you put to dry on paper towels.
Prepare four pods of parmesan cheese.
Execution:
 sprinkle baking paper, four tablespoons of Parmesan forming 4 circles and go for a few minutes in the microwave until melted, let cool.


Wash and drain the cabbage into thin strips and reduce it in a pan add the chopped onion and sauté in half the butter, then add the cabbage. Salt lightly, stir, cover with a lid and let simmer for 10 'minutes.
 Meanwhile, heat the broth.

Add the rice with cabbage, stir well and let it roast for about 3/4 'minutes,



then sprinkle with half a glass of wine and let evaporate.


Continue cooking, adding a ladle of hot broth at a time
let the rice absorb the broth and then add another ladle keep it up for about 16'-18' minutes.
 Remove from heat Stir the rice with butter and Parmesan cheese and freshly ground black pepper,
 Let stand for 2 'minutes and then served in leaves of savoy cabbage and garnish with the bacon crisp and crumbled with crispy parmesan.




 BON APPETITE

venerdì 10 maggio 2013

Risotto al Merlot con Radicchio e Speck Croccante



Risotto al Merlot con Radicchio e Speck Croccante

Porzioni 4  Risi e risotti

Vino: Merlot


Ingredienti:

Riso Carnaroli g 350
Radicchio trevisano g 400
Brodo vegetale (istantaneo per...) l1
Olio extravergine di oliva ml 20
Speck g 100
Burro g 20
Porri g 100
Vino rosso ml 300
Pepe nero macinato Quanto basta

Valori nutrizionali:
kcal: 595
kJ: 2491
Lipidi g: 18,5
Glucidi disp. g: 79,7
Amido g: 76,7
Zuccheri g: 2,9
Fibra g: 4,5
Sodio mg: 2.310,9
Colesterolo mg: 45,8
Proteine g: 19,9
Acqua g: 194,8


------------------------------------------------
COSTI
------------------------------------------------
Costo piatto: euro [N/D]
 - Food cost: euro 1,40
 - Manodopera: euro [N/D]
 - Costi indiretti: euro 2,40

------------------------------------------------
Per prima cosa la regola di un buon risotto e preparare un buon brodo di base, quindi mettete un
bella pentola sui vostri fornelli e preparate un brodo vegetale con: Sedano, Carota, Cipolla e un
mazzetto di erbe aromatiche.
 Sfogliate il radicchio e lavatelo più volte sotto l'acqua corrente. scolatelo e allargatelo su un
canovaccio per asciugarlo bene quindi dividete in quattro parti il cespo, 

tritatene una parte calcolando di conservare interi quattro cespi per guarnire ogni singolo piatto ( vedi foto).

Disponete su una teglia da forno della  carta da forno e adagiate le coste di radicchio

 spennellate con emulsione di acqua, olio e insaporitore Aglio e Peperoncino Ariosto e spennellate bene, infornate per circa 20 minuti a 200° C
spennellando di nuovo il radicchio dopo 10'.
 In una padella in un velo d'olio cuocete  il radicchio tritato aggiustate di sale e pepe e fate
raffreddare, passate il tutto al mixer e poi al setaccio  per creare una crema di radicchio.
Tagliate le fettine di Speck a Julienne e in una padella in un velo d'olio fatele rosolare per renderle
croccanti ( vi consiglio di rosolarle un po per volta per renderle ben croccanti), le cotture controllate
rendono sempre i risultati eccezionali.


Lavate asciugate e tritate il Porro, in una padella aggiungete l'olio e la noce di burro e imbiondite
leggermente il porro, aggiungiamo e tostiamo il riso, bagnate con un pò del vino e una volta sfumato,
aggiungete un po del brodo alternando brodo e  vino via via che viene assorbito, aggiustate di sale e
pepe.
Fuori dal fuoco, mantecate il riso con la crema di radicchio una noce di burro e parmigiano.
Servite accompagnando con un gambo di radicchio e una spolverata di Speck croccante.