venerdì 6 luglio 2012

Sarde alla beccafico con tartare di verdure e salsa alla menta

 Il caldo torrido ormai ha invaso la nostra Penisola prendendo il nome di Caronte nome del mitico traghettatore degli Inferi, è sabato e come ogni fine settimana mi dedico alla mia passione la cucina, come sempre ormai è un rituale mi collego alla rete internet e cerco qualcosa che stuzzichi la mia curiosità e la voglia di misurarmi, allora giro e rigiro ma la sensazione è di trovare un po’ di fresco e pensando al mare a questo punto mi ricordo del ricettario dell’Academia Barilla lasciatomi in prestito dal mio Socio Gianluca e qui che trovo questa fantastica ricetta che fa al mio caso, fresca e con ingredienti di stagione. 




1 Kg di sarde di grandezza media - 100 g di pangrattato - 40 g di acciughe dissalate - 40 g di uva passa - 30 g di pinoli - 50 g di prezzemolo - 80 cl di olio extravergine d'oliva - alloro.
Per la tartara: 50 gr. di carote - 50 g di zucchine - 50 g di peperoni dolci - 100 cl di olio extravergine d' oliva.
Per la salsa: 20 g di menta - 40 cl di olio extravergine d'oliva, Sale Gemma di Mare .q.b.
Preparazione 25' - cottura 15'





Squamate e pulite le sarde, privatele della testa, apritele e diliscatele mantenendo i filetti attaccati. Lavate i filetti aperti e lasciateli sgocciolare.

In una padella Antiaderente fate rosolare il pangrattato con un pò d'olio. Quando sarà rosolato, aggiungete le acciughe tritate, i pinoli e l'uva passa fatta precedentemente rinvenire in acqua.
Ultimate il composto con il prezzemolo tritato e l'alloro sminuzzato, condendo il tutto con Sale Gemma di Mare e pepe q.b.. Il preparato ottenuto dovrà risultare omogeneo e non troppo umido.

Su una placca da forno, sistemate uno stampino precedentemente foderato con carta da forno. Adagiate i filetti delle sarde all'interno dello stampino, facendoli aderire uniformemente.Aggiungete il composto preparato all'interno dello stampo.


Pressate leggermente il composto e chiudete il tutto unendo le sarde a cupola.
Passate in forno a 180° per 10 minuti.


Presentate il piatto condendo il tutto con olio prezzemolo e accompagnandolo con un'emulsione di olio e menta e con una tartare di verdure di stagione tagliate a brunoise e saltate in padella antiaderente Lagostina con un filo di olio evo, Sale Gemma di Mare e pepe q.b.





Con questa ricetta partecipo al contest Lagostina E' Tu? di che padella sei? di Cuoca per caso
















Variante: potete sostituire la Tartare di verdure con una fresca insalata Valerianella.

Consigli: si accompagna bene con un ottimo Traminer Aromatico.

10 commenti:

  1. Bentornato tra noi. Ci mancavano le tue ricette, come sempre riesci a sbalordirmi.Haimèle mie ricette al tuo confronto sono molto semplici.Forse per questo la cucina è varia,perché ci rappresenta! Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  2. caro Guerino, se ti copiassi questo piatto mio marito andrebbe in brodo di giuggiole!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Grande ricetta Guerino, eseguita ad arte.
    A presto

    RispondiElimina
  4. Che meraviglia queste sardine e che bella presentazione, complimenti! Ciao

    RispondiElimina
  5. gran bel piatto, buonissimo, sano e fresco!!!!ciaooooo

    RispondiElimina
  6. E innanzi a cotanta magnificenza, non un giro posso che inchinarmi! Perché non vieni a fare un giro al sud per il secondo weekend di agosto,ovviamente con luisa ?
    Buon weekend.
    Spery

    RispondiElimina
  7. Buona da leccarsi i baffi ciaooooo

    RispondiElimina
  8. Che buone le sarde a beccafico, secoli che non le mangio!!!....mi hai fatto venire una gran voglia....Piacere, Letizia

    RispondiElimina
  9. Sia la presentazione che le foto rendono ancor più speciale questa ricetta! Complimenti :)

    RispondiElimina
  10. Caro Guerino, grazie per il tuo messaggio, trovo grandioso il motivo per il quale é nato il tuo blog!....mi sono aggiunta ai tuoi lettori (avevo dimenticato a farlo), cosi' sara' piu' facile tenerci aggiornati. Alla prossima :)

    RispondiElimina